Fratelli d'Italia - Puglia | Fratelli d'Italia - Puglia - Giorgia Meloni difende il Sud
  • Aggiornato il: 09 Giugno 2018

Abbiamo 57 visitatori e nessun utente online

calendarioeventi
UltimeNotizie

Giorgia Meloni difende il Sud

Pin It
meloni difende il sud“Caro Direttore, dispiace che Libero attacchi il Sud” è quanto scrive il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, al direttore editoriale del quotidiano, Vittorio Feltri.
La lettera arriva dopo l’apertura e le quattro pagine che Libero ha dedicato ieri a una “generalizzazione ingiusta”: “mi aspetto – ha scritto la leader di Fdi – una presa di distanza anche dalle altre forze politiche e dai loro leader, dal mondo dell’informazione e della cultura”.

“Credevamo – continua la lettera scritta a Feltri – che lo stereotipo del meridionale “assenteista”, “corrotto” e “disonesto” fosse ormai superato, visto che in alcun modo corrisponde alla verità, ma evidentemente ci sbagliavamo. Non è dove si nasce o dove si vive a rendere una persona automaticamente fannullona, corrotta o disonesta. Se così fosse, persone come Falcone o Borsellino dovrebbero essere nate in Veneto o in Lombardia che invece erano fieramente siciliani”.
Dopo il successo che sta riscuotendo anche mediaticamente, soprattutto dopo la puntata di #Cartabianca (leggi qui) in cui ha ottenuto molte preferenze da simpatizzanti dei Cinquestelle, Giorgia Meloni invia un appello in difesa del Sud a Libero: “Per far capire che il problema non è geografico non serve ricordare i grandi scandali che hanno fatto il giro del mondo, come l’Expo o il Mose: basta citare i “furbetti del cartellino” di Sanremo o gli assenteisti di Biella che, in orario di ufficio, usavano l’auto di servizio per andare in palestra o a giocare alle slot. Non mi risulta che Sanremo sia in Campania e Biella in Calabria”.
“Dopo il vostro titolo francamente incomprensibile, mi sento di rivolgere la mia più sentita solidarietà a tutti i napoletani e gli italiani del Sud, vittime di un pregiudizio avvilente. Sono tornata a Napoli all’indomani del referendum sulla riforma costituzionale: proprio lì dove il no a Renzi ha stravinto, ho avuto l’ennesima conferma che c’è tanta gente perbene che non intende arrendersi e che “non si fa comprare da una frittura di pesce”.
“Parliamo di uomini e donne – sottolinea la Meloni – che vogliono rimboccarsi le maniche nonostante il Mezzogiorno sia stato cancellato dall’agenda politica di governi che preferiscono occuparsi del sud del mondo ma non del sud dell’Italia. Non lo dico io ma i dati del rapporto Svimez: il Sud ha perso 1,2 milioni di persone, soprattutto di giovani in età da lavoro, è a rischio desertificazione e subisce un calo demografico “compensato” dal saldo migratorio”.
“Il nostro titolo? E’ solo lo specchio della realtà” ha risposto oggi Libero, spiegando che Napoli è ultima per qualità della vita ed è considerata uno dei luoghi turistici più deludenti. A gettare benzina sul fuoco dell’odio tra Nord e Sud sono intervenuti anche i centri sociali che hanno lanciato un’iniziativa per “respingere l’arrivo di Salvini” il prossimo 11 marzo.
“Dividere l’Italia – conclude la leader di Fratelli d’Italia – significa, soprattutto ora, indebolirla: l’obiettivo che deve coinvolgere tutti, giornalisti e politici per primi, è piuttosto quello di creare un’unità sostanziale nazionale che non siamo mai riusciti a costruire. Perché l’Italia può crescere solo se è unita e se ci sono le stesse opportunità di sviluppo e crescita al Nord e al Sud. Questa è la sfida da vincere, la priorità nella nostra agenda politica e mi aspetto che anche un quotidiano autorevole e coraggioso come il vostro combatta questa battaglia al nostro fianco”.

UK Bookamekrs http://gbetting.co.uk Free Bets

TESSERAMENTO2016
NOGRAZIE 1